Definizione della categoria Stanza del Pensiero-Azione

spazio libero in cui esercitare pensieri per farli evolvere nel
confronto: perché si trasformino in azioni.

Buona sera, ho trovato carino questo modo di interagire con altre persone.
Pensiero /azione sono due parole che oggi mi fanno riflettere su quello che stiamo vivendo, di certo non un bel momento, anche se il tempo potrebbe portare tante idee buone e utili. ho due bambini che sono stati catapultati in un nuovo e frettoloso modo di fare didattica. Devo ammettere che i risultati o chiamiamole pure reazioni sono poco rassicuranti. La più piccola che frequenta la terza elementare viene tutti i gg riempita di compiti , gli stessi venivano annunciati inizialmente come passatempo da fare per non perdere l’abitudine, poi però quando rispondiamo a questi quesiti, questionari, o altro ci viene detto che sono compiti di parecchio tempo fa e che si vede che la situazione non è stata presa come dovrebbe. Allora mi domando la scuola e quindi l’istituzione non è quella che dovrebbe garantire e tutelare con misure (umane) questi bambini? Sento e vedo mia figlia che sfugge e non esercita nessun interesse a stare dietro a tutto questo materiale didattico che sembra essere messo lì tanto perchè si deve. Io sono adirata e molto scoraggiata con l’istituzione e soprattutto con chi pensa che i ns figli sono già menti pensanti e che alla loro età possono prendersi una resposabilità così grande. Per quanto riguarda le azioni da parte mia ho provato anche a farmi ascoltare dai docenti interessati ma non ho avuto risposte positivi, tant’è che insieme ad altre mamme abbiamo creato una chat dove i ns figli ogni tanto possono salutarsi e scambiarsi una parola, la stessa che avrebbero e che sarebbe servita da parte delleloro maestre.
Comunque mi ritengo fortunata perchè non mi posso lamentare di nulla e mia figlia non la costringerò a sentirsi succube di queste imposizioni.
Mentre un altro punto che mi sta a cuore è quello delle modalità didattiche adottate facendo videolezioni con la classe. L’altro figlio di quinta quindi prossimo alla prima media fà lezioni solo di alcune materie, anche quì con risultati non del tutto facili, si danno tanti compiti e la lezione viene fatta dopo , mi spiego gli assegnano i compiti per il giorno della lezione , secondo me dovrebbe essere il contrario ossia prima si spiega la lezione e poi si fanno fare i compiti per avere la certezza che la lezione sia stata capita. giusto? o pure quì ci sono stati cambiamenti da rivoluzionare anche il vecchio sistema? fatemi sapere, è possibili pure che essendo ormai quasi 3 mesi che siamo rintanati a casa mi stia venendo la fobia e la rabbia accumulata per tanti gg di chiusura della scuola, del lavoro ecc.
Grazie e scusate il mio sfogo.