RINASCITA DEI BORGHI TRA ARCAICO E PRESENTE

Originariamente pubblicato da: https://riavviaitalia.it/rinascita-dei-borghi-tra-arcaico-e-presente/

Il progetto “La Rinascita dei Borghi tra Arcaico e Presente” insieme alla mostra itinerante “Oltre il Tempo lo Spazio e il Colore”, accompagna il visitatore attraverso un percorso, che va dall’artigianato artistico fino all’opera d’arte esposta in galleria. E’ un vero e proprio format, che crea una connessione tra il contesto storico del Palazzo Orsini di Bomarzo, il borgo antico e il suo territorio nell’alto Lazio .

A questo proposito, la cura dei percorsi culturali ed enogastronomici in collaborazione con il Team Piramide Etrusca e Project Tuscia, rende consapevole e partecipe il visitatore del processo di trasformazione della materia, che passando dalle mani sapienti dei maestri artigiani diventa nella sua forma più sublime un’opera d’arte. Attraverso una mappatura dei siti e dei percorsi culturali si attivano tutte le potenzialità economiche e gli investimenti su un turismo culturale avanzato, che qualifichi il lavoro e la ricerca di chi vive e opera nel territorio.

(Mauro Silani del Collettivo Oxford)

82+
1 Mi Piace

Questo nostro progetto vuol essere un volano per il rilancio di un turismo di prossimità che attivi tutte le potenzialità dei territori della Tuscia partendo dal Borgo di Bomarzo e dal suo storico Palazzo Orsini come sede operativa

1 Mi Piace

Con lo slogan “Cultural Call for the Re-Birth of the Territory” vogliamo chiamare a raccolta e sensibilizzare tutte le forze sane che operano sui territori : enti pubblici e privati, banche, università, accademie, imprese, artigianato, commercio, attività di ristorazione e alberghiere, nonché associazioni culturali e artistiche, sportive e sociali, in modo che la manifestazione sia un motivo di incontro e di un’ analisi complessiva d’insieme una “Over-all” dei punti di forza e delle debolezze del territorio, con l’obbiettivo comune, di proporre una scala di offerte e servizi efficaci alle esigenze di ogni singola realtà, per riqualificare le valenze territoriali nell’era della globalizzazione. Tutte le realtà dell’imprenditoria locale, saranno stimolate al dialogo fattivo aperto verso la consapevolezza del bene comune, senza prevaricazioni e arroccamenti di sorta, ma discernendo le sofferenze aprendosi al mondo attraverso il linguaggio della cultura e dell’arte. Le Associazioni e le potenzialità imprenditoriali rappresentano il capitale sia umano che economico ed un potente mezzo di comunicazione, purché sappiano creare connessioni stringendo legami e promuovendo un accurato programma collaborativo e creativo dei territori, tra gli enti , le imprese e le associazioni stesse, e che serva da effetto moltiplicatore per avere un elevato ritorno di considerazione sia sociale che economico “Collaborative Purpose”. A tale scopo è necessario, in seno alla manifestazione, generare incontri e tavoli di lavoro con una comune vocazione: quella di non appiattirsi sulla ricerca esclusiva di ciò che sembra vantaggioso per l’immediato, ma di liberare la creatività, per coniugare in unico pacchetto, tutti i modelli possibili di “Brand Reputation”. L’arte e la cultura rappresentano un potente mezzo di comunicazione creano, connessioni, sinergie, stringono legami, fanno nascere nuove economie garantendo agli investitori non solo un semplice ritorno di immagine di eleganza dell’azienda, dell’ente, dell’impresa e dell’associazione ma anche un aumento dei fatturati perché noi crediamo che l’arte e la cultura rappresentino in Italia la prima voce per la rinascita che sintetizziamo con questa semplice ma efficace formula: cultura + impresa = lavoro. L’arte, rappresenta non solo un valore sociale ma anche economico per tutti i e territori depressi, non può esistere passivamente ma deve dialogare, circolare e rapportarsi con lo spazio e il tempo, la realtà umana ed il territorio stesso, che ne è innanzitutto il suo campo di azione e fruizione .

2 Mi Piace

@Mauro_Silani quindi ora il prossimo passaggio è la call? Vi siete dati dei tempi?

@AnnaMarotta certamente stiamo preparando con il Collettivo Oxford ( www.clollettivo-oxford.com) di cui sono il fondatore, un grande evento culturale che si svolgerà proprio a Palazzo Orsini a Bomarzo . Stiamo studiando le date possibili a cavallo tra agosto e settembre.
Nella manifestazione oltre alla mostra del Collettivo e gli workshop d’arte e di artigianato artistico dedicate alle scuole ed ai cittadini, proporremo degli incontri tematici di rigenerazione dei borghi interni, turismo di prossimità, sostenibilità ambientale, valorizzazione e mappatura dei territori. Proporremo percorsi e visite ai vari punti di interesse archeologici e naturalistici.
Soprattutto il punto di forza del progetto sarà la partecipazione attiva dei cittadini del borgo di Bomarzo, per creare una vero modello di sviluppo e ripartenza civile che diventi una possibilità di metodo per tutti i borghi e le aree interne della nostra Italia.

1 Mi Piace

Come ideatore e promotore del progetto del Collettivo Oxford “La Rinascita dei Borghi a Bomarzo” faccio un aggiornamento sullo stato di avanzamento dei lavori e del modus operandi che abbiamo intrapreso per portare avanti l’iniziativa. Per roima cosa abbiamo creato un coordinamento formato da tre gruppi di lavoro uno per l’attuzione amministartiva, uno per la comunicazione e un altro un gruppo artsitico e culturale.
Stiamo attendendo a breve la conferma delle date da parte del comune, a cavallo agosto settembre, per avere almeno un mese di attività e come bilanciare le attività esterno/interno a seconda delle norme di sicurezza previste per ogni manifestazioni ed eventi.
Tutte le attività che si terranno all’interno del Palazzo e nel borgo ma anche per quanto riguarda i percorsi naturistici e culturali dovranno essere su penotazione e con numeri di partecipanti contingentato e rispettando tutte le norme di sicurezza adeguate secondo i decreti ministeriali.

2 Mi Piace